TrentinOnLine > S. Martino di Castrozza - Vanoi

San Martino di Castrozza, stazione ai piedi delle mitiche Pale ed il Primiero, nella parte più orientale del Trentino, sono una porta aperta sul Veneto, regione con la quale i rapporti e le influenze - riscontrabili nella mentalità e nella parlata, ancor prima che in usi e costumi - sono millenari.

 Pale di S. Martino
Il Primiero si presenta come un'ampia conca di prati circondata da montagne e dalle Dolomiti, popolato da paesi d'antica storia e tradizione nei quali fin dall'antichità s'incrociavano viandanti e commercianti diretti verso lo strategico valico di Passo Rolle e quindi la Valle di Fiemme.
Stazione frequentata fin dall'Ottocento da teste coronate e dagli alpinisti esploratori attratti dal fascino delle Pale, San Martino di Castrozza ben presto ebbe a diventare una rinomata stazione turistica adagiata "nel più superbo anfiteatro delle Alpi Dolomitiche" come scrisse Cesare Battisti.
Valli, picchi rocciosi, pascoli, sterminate foreste sono quasi "rinchiusi" - vista la loro selvaggia bellezza - nei confini del Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino, un'oasi naturale dove flora e fauna godono delle massime forme di tutela possibili.

Alla natura dolce delle conche prative del Primiero o della Val Canali, altro angolo di rara bellezza che fu caro a Dino Buzzati, s'alternano d'improvviso le immense bastionate rocciose ed i contrafforti del massiccio delle Pale con le sue cime più famose, il Sass Maor, il Velo della Madonna, il Cimon della Pala. Montagne frastagliate in mille pinnacoli e vette, ma grandiose nell'insieme - perfino magiche quando di sera, con l'Enrosadira, si tingono di rosso fuoco riflettendo la luce del sole all'orizzonte - chiuse alla base da foreste che paiono sterminate. In questi boschi, i veneziani della Serenissima Repubblica marinara salivano per scegliere i tronchi migliori da impiegare nella costruzione delle loro navi destinate a solcare i mari di tutto il globo; e nel 1700 il liutaio Stradivari, personalmente, si recava nella cosiddetta Foresta dei Violini, poco distante da Paneveggio, e cerniva l'abete rosso più adatto ad assicurare la risonanza ai suoi violini. Ed a proposito d'illustri personaggi merita ricordare Luigi Negrelli, l'ingegnere inventore del Canale di Suez e progettista della rete viaria e ferroviaria attraverso l'intero arco alpino, originario appunto di Fiera di Primiero.

 

- A.P.T. S. MARTINO DI CASTROZZA E PRIMIERO
38058 S. Martino di Castrozza - Tel 0439.768867 Fax 0439.768814
38054 Fiera di Primiero - Tel 0439.62407-62985 Fax 0439.62992

 Bollettino Meteo Trentino

 ItaliaABC - Alberghi S. Martino di Castrozza

 


VUOI INSERIRE LA TUA AZIENDA ?